Rimini

Studentessa spagnola: "sono stata violentata in discoteca"

Secondo una 20enne la violenza sarebbe avvenuta in un noto locale del porto dopo aver bevuto troppi alcolici

Studentessa spagnola: "sono stata violentata in discoteca"

Immagine tratta da un film

| Altro
N. Commenti 0

25/settembre/2017 - h. 02.48

Ha un buco nella memoria la studentessa spagnola dell'Erasmus che si è presentata ai carabinieri del comando provinciale di Rimini per sporgere denuncia per essere stata violentata. Si trovava in una discoteca con altri studenti del gruppo, aveva bevuto, molto, e non si ricorda cosa sia accaduto dalla mezanotte di venerdì alle 4 del sabato. Solo qualche flash: si trattenuta con due uomini, appartata nella nota discoteca in zona porto, gli amici che l'hanno riaccompagnata a casa al mattino, il sonno. 
La ragazza ha raccontato che solo quando si è risvegliata ha sentito dei dolori nelle parti intime e ha capito di essere stata violentata. E' stata quindi accompagnata al pronto soccorso dellìInfermi di Rimini dove i medici le hanno riscontrato lievi lesioni esterne che non escluderebbero essere causa di una violenza sessuale, ma internamente nessuna ferita. 
Ma la 20enne studentessa non ricorda la fisionomia dei due uomini che avrebbe incontrato, separatamente, e neppure cosa sia accaduto. Ora toccherà ai carabinieri ricostruire le ore in cui si sarebbe consumata la violenza, anche e innanzitutto, dalla visione delle immagini delle telecamere presenti nel locale e nelle strade vicine ad esso. 
Ha un buco nella memoria la studentessa spagnola dell'Erasmus che si è presentata ai carabinieri del comando provinciale di Rimini per sporgere denuncia per essere stata violentata. 

Si trovava in una discoteca con altri studenti del gruppo, aveva bevuto troppo, e non si ricorda cosa sia accaduto dalla mezanotte di venerdì alle 4 del sabato. Solo qualche flash: si è trattenuta con due uomini, appartata in una nota discoteca in zona porto, gli amici l'hanno riaccompagnata a casa al mattino, il sonno. 

La ragazza ha raccontato che solo quando si è risvegliata ha sentito dei dolori nelle parti intime e ha capito di essere stata violentata. E' stata quindi accompagnata al pronto soccorso dell'Infermi di Rimini dove i medici le hanno riscontrato lievi lesioni esterne che non escluderebbero essere causa di una violenza sessuale, ma internamente nessuna ferita. Ma la 20enne studentessa non ricorda la fisionomia dei due uomini che avrebbe incontrato, separatamente, e neppure quello che è accaduto. Ora toccherà ai carabinieri ricostruire le ore in cui si sarebbe consumata la violenza, anche e innanzitutto, dalla visione delle immagini delle telecamere presenti nel locale e nelle strade vicine ad esso.