Riccione

Al porto arriva Seabin, il cestino mangiaplastica

Può recuperare fino a mezza tonnellate di rifiuti galleggianti all'anno, compresi i residui più piccoli, fino a due millimetri

Al porto arriva Seabin, il cestino mangiaplastica
| Altro
N. Commenti 0

11/marzo/2019 - h. 22.31

RICCIONE - Sarà un investimento a costo zero per il comune di Riccione e operativo a primavera. Con il dispositivo Seabin, dispositivo mangia plastica che verrà collocato al porto e immerso nell’acqua, sarà possibile recuperare oltre 500 kg di rifiuti plastici galleggianti all’anno, comprese le microplastiche di diametro fino a 2 millimetri. L’amministrazione ha approvato lo schema di contratto di collaborazione, mediante comodato gratuito, con “Lifegate Consulting and Media spa” per avviare il progetto denominato “ Lifegate Plasticless” e l’obiettivo di contribuire alla pulizia delle acque del porto.

Il Seabin è dotato di una pompa che aspira e butta fuori acqua, creando un effetto di decompressione all’entrata del cestello, può lavorare 24 ore al giorno, 7 giorni su 7 e raccogliere anche microplastiche e microfibre invisibili all’occhio umano, senza intralciare le attività portuali. “Abbiamo aderito a questo progetto - afferma l’assessore al demanio Andrea Dionigi Palazzi – per la sua connotazione ambientale legato ai temi della sostenibilità, del contrasto all’inquinamento e della sensibilizzazione a stili di vita improntati sul rispetto della qualità dell’acqua e dell’aria. Un’azione che stiamo portando avanti su più fronti. Educare al rispetto del mare è una strada condivisa con le associazioni legate al mondo della nautica in ogni sua sfaccettatura. Interesseremo anche le scuole, già coinvolte nelle scorse settimane ad iniziative legate all’apprendimento della storia e delle tradizioni marinare, con progetti specifici che hanno coinvolto pescatori, operatori delle associazioni e la stessa pescheria portuale”.