Basket

I giovani d'oro sammarinesi cercano il bis europeo

San Marino ha vinto per la prima volta l’Europeo Under 16 e da domani l’Under 18 proverà a fare altrettanto: nel 2011 e nel 2013 sono arrivate medaglie, la storia si ripeterà?

I giovani d'oro sammarinesi cercano il bis europeo
| Altro
N. Commenti 0

13/luglio/2015 - h. 13.52

SAN MARINO - Sul tetto d’Europa. La nazionale sammarinese Under 16 ha vinto per la prima volta l’Europeo Division C, sottolineando l’ottimo lavoro che sta portando avanti la Federazione negli ultimi anni per far crescere i suoi giovani. Questa medaglia d’oro ha infatti un valore ben superiore a quello che può sembrare agli occhi dei tifosi.
Il successo è stato meritato sotto tutti i punti di vista ed è arrivato al termine di una marcia perfetta con cinque vittorie ottenute in altrettante gare, vinte ognuna con ampio scarto. La ciliegina sulla torta è stato il successo in finale contro il Kosovo, sconfitto 76-59, presentatosi all’ultimo atto del torneo senza aver mai perso. 
Tra i singoli da sottolineare le prestazioni di Simone Giacomini, autore di 15.6 punti di media, e di Giovani Ugolini (12.8), ma è stato tutto il collettivo di coach Luca Liberti a dividersi i punti e a superare gli ostacoli: non bisogna poi dimenticare che nel girone sono arrivate vittorie contro Malta e Andorra, prime due della classe nell’edizione 2014. 
Il dato curioso è che ancora una volta il fattore campo è stato fondamentale, perchè anche nel 2013 quando la nazionale vinse la medaglia d’argento, l’Europeo era stato organizzato da San Marino con le partite che si disputavano al MultiEventi. Si vede che sul Titano il detto “Nemo propheta in patria” non vale... 
E visto che l’appetito viene mangiando, San Marino prova ora a calare il bis con l’Under 18, impegnata da domani a domenica a Gibilterra nell’Europeo di categoria (sarà nel girone con Malta e Gibilterra), dove in campo ci saranno molti degli eroi che hanno vinto il titolo Under 16. 
Una scelta di programmazione per avere un roster anche con elementi futuribili da testare contro atleti più grandi. Lo scorso anno arrivò in quarto posto e la “medaglia di legno”, mentre nel 2013 uno storico oro e nel 2011 l’argento. Numeri alla mano, se ogni due anni la nazionale sammarinese vince una medaglia, allora è meglio mettere in ghiaccio le bottiglie di champagne e prepararsi a stapparle domenica prossima. Luca Del Favero