San Marino

Un patto per lo sviluppo fra San Marino e Rimini

Ispirata dai parlamentari Arlotti e Pizzolante è nata l’alleanza fra il Partito Democratico e il Psd

Un patto per lo sviluppo fra San Marino e Rimini
| Altro
N. Commenti 0

10/novembre/2016 - h. 02.10

Così vicini, mai più lontani. Soprattutto nella progettazione e nella visione orientata al comune sviluppo. Accade grazie al Patto San Marino-Rimini, che vede stretti in una nuova alleanza il PSD sammarinese e i Parlamentari di riferimento Tiziano Arlotti e Sergio Pizzolante - da sempre sostenitori della Repubblica, anche nei momenti di maggiore criticità - nella volontà di costruire un patto fra il PD di Rimini e il PSD, uniti per avviare una fase di progettazione comune tra la Repubblica del Titano e la Romagna, realtà da sempre vicine per confine, ora anche sintonizzate verso il raggiungimento
di obiettivi condivisi. 
Due forze politiche omologhe, entrambe collocate nell’alveo riformista della grande famiglia europea socialista, che danno seguito ad una progettualità
condivisa in virtù sia del grande valore reciproco che i due territori rappresentano, sia del forte collegamento politico tra PD e PSD. I Socialisti e democratici sammarinesi da sempre intrattengono relazioni con l’area democratica sia italiana a livello di Governo, sia con le amministrazioni locali espressioni del PD, per creare sinergie e far crescere gli interessi convergenti. 
Tra i più attivi fautori del Patto San Marino-Rimini il Segretario di Stato al Lavoro PSD Iro Belluzzi, che in questa nuova alleanza ripone particolari aspettative sul fronte della crescita economica sammarinese e della stessa occupazione: ‘La crisi economica degli ultimi anni ci ha insegnato molto bene quanto sia necessario far fronte comune – dice Belluzzi – il nostro Paese deve aprirsi all’esterno e trovare sinergie importanti a partire dai nostri amici più vicini, con i quali il più delle volte giochiamo le stesse, decisive partite”. Il riferimento è, tra le altre cose, all’Aeroporto di Rimini e al Parco Tecnologico Scientifico in primis. 
“Fino ad oggi non si è mai andati oltre i protocolli – dichiara il parlamentare AP Sergio Pizzolante – questo è il momento di avviare una fase nuova di cooperazione tra Romagna e San Marino. Non possiamo pensare di rilanciare l’Aeroporto di Rimini senza che diventi davvero anche di San Marino. Se le imprese e le attività potenzialmente interessate all’area dell’Aeroporto destinata a San Marino non potranno integrarsi con i regimi
normativi e anche fiscali sammarinesi, con regole e flussi condivisi fra i due
Stati, non avranno futuro e lo scalo rimarrà sempre un piccolo Aeroporto
locale. Queste sono le ragioni di un Patto con il Titano, con il Segretario
Belluzzi, con Gerardo Giovagnoli e con i tanti amici di San Marino, nel Governo e nel Paese”.
Così vicini, mai più lontani. Soprattutto nella progettazione e nella visione orientata al comune sviluppo. Accade grazie al Patto San Marino-Rimini, che vede stretti in una nuova alleanza il PSD sammarinese e i Parlamentari di riferimento Tiziano Arlotti e Sergio Pizzolante - da sempre sostenitori della Repubblica, anche nei momenti di maggiore criticità - nella volontà di costruire un patto fra il PD di Rimini e il PSD, uniti per avviare una fase di progettazione comune tra la Repubblica del Titano e la Romagna, realtà da sempre vicine per confine, ora anche sintonizzate verso il raggiungimento di obiettivi condivisi. 

Due forze politiche omologhe, entrambe collocate nell’alveo riformista della grande famiglia europea socialista, che danno seguito ad una progettualitàcondivisa in virtù sia del grande valore reciproco che i due territori rappresentano, sia del forte collegamento politico tra PD e PSD. I Socialisti e democratici sammarinesi da sempre intrattengono relazioni con l’area democratica sia italiana a livello di Governo, sia con le amministrazioni locali espressioni del PD, per creare sinergie e far crescere gli interessi convergenti. 

Tra i più attivi fautori del Patto San Marino-Rimini il Segretario di Stato al Lavoro PSD Iro Belluzzi, che in questa nuova alleanza ripone particolari aspettative sul fronte della crescita economica sammarinese e della stessa occupazione: ‘La crisi economica degli ultimi anni ci ha insegnato molto bene quanto sia necessario far fronte comune – dice Belluzzi – il nostro Paese deve aprirsi all’esterno e trovare sinergie importanti a partire dai nostri amici più vicini, con i quali il più delle volte giochiamo le stesse, decisive partite”. Il riferimento è, tra le altre cose, all’Aeroporto di Rimini e al Parco Tecnologico Scientifico in primis. 

“Fino ad oggi non si è mai andati oltre i protocolli – dichiara il parlamentare AP Sergio Pizzolante – questo è il momento di avviare una fase nuova di cooperazione tra Romagna e San Marino. Non possiamo pensare di rilanciare l’Aeroporto di Rimini senza che diventi davvero anche di San Marino. Se le imprese e le attività potenzialmente interessate all’area dell’Aeroporto destinata a San Marino non potranno integrarsi con i regiminormativi e anche fiscali sammarinesi, con regole e flussi condivisi fra i due Stati, non avranno futuro e lo scalo rimarrà sempre un piccolo Aeroporto locale. Queste sono le ragioni di un Patto con il Titano, con il Segretario Belluzzi, con Gerardo Giovagnoli e con i tanti amici di San Marino, nel Governo e nel Paese”.