Basket

L'OraSì si gioca i playoff a Jesi. Il coach: "Come uno spareggio"

I ravennati in scena alle 18 all'Ubi Sport Center. Da Ravenna partiranno 150 tifosi

L'OraSì si gioca i playoff a Jesi. Il coach: "Come uno spareggio"
| Altro
N. Commenti 0

21/aprile/2018 - h. 15.01

RAVENNA - Dentro o fuori, un clima che spesso ha saputo esaltare l'OraSì. E' il clima che si respirerà domaenicai alle 18 all'Ubi Sport Center di Jesi in occasione dell'ultima gara della stagione regolare, Termoforgia-OraSì. Chi vince va ai playoff, forse anche da settima se Ferrara perderà sul campo di una Piacenza certamente più motivata. Chi perde, al contrario, chiuderà le sue fatiche e potrà iniziare già a pensare al futuro. Non ha fretta, in questo senso, l'OraSì, che giocherà per la quarta volta in stagione sul parquet marchigiano, dove un mese e mezzo fa ha conquistato un grande secondo posto in Coppa Italia. 
I padroni di casa, che in settimana hanno chiamato a raccolta il loro pubblico, punteranno una volta ancora sulla coppia Usa composta dall'eccellente Green e da Hasbrouck, ma ovviamente dovranno tenere in grande considerazione quella formata da Rice e dal Grant strepitoso dell'ultimo bimestre. Al seguito dell'OraSì, che sarà al completo, sono previsti circa 150 tifosi, più della metà di loro arriverà a Jesi con i pullman organizzati dai Leoni Bizantini. 
La presentazione del match di coach Antimo Martino: "Ci aspetta un vero e proprio spareggio contro una squadra che ha disputato un grandissimo girone di ritorno meritando la chance di giocarsi l'accesso ai playoff, anche grazie agli inserimenti di Fontecchio ma soprattutto di Marques Green che dal suo arrivo ha portato la squadra ad avere un bilancio di nove vinte e quattro perse. Si tratta di un giocatore che non ha bisogno di presentazioni, capace inoltre di esaltare le qualità dei propri compagni di squadra in un contesto nel quale Hasbrouck spicca per talento ma anche il gruppo degli italiani è estremamente valido. Sicuramente sarà una partita difficile nella quale gli aspetti tattici saranno importanti ma non quanto la capacità delle squadre di gestire le energie nervose che una gara del genere comporta. In altre occasioni abbiamo già dimostrato di avere la possibilità di farci trovare pronti per occasioni del genere e dovremo farlo ancora per vincere al Pala Triccoli".