Cinema

È morto il padre degli zombie, George Romero (video)

Il regista de 'La notte dei morti viventi', lascia un'eredità cinematografica immensa

| Altro
N. Commenti 0

17/luglio/2017 - h. 12.32

È morto il padre degli zombie, ucciso a 77 anni da un cancro ai polmoni: cullato dalle note della colonna sonora di Un uomo tranquillo, commedia del 1952  diretta da John Ford. Aveva accanto a sé la moglie Suzanne Desrocher Romero e la figlia Tina.
Nato e cresciuto a New York da padre cubano e madre lituana, George Andrew Romero è stato il creatore indiscusso dello zombie moderno. Senza i suoi film non sarebbero esistiti cult degli ultimi anni come il fortunato videogiovo Resident Evil (diventato anche una saga cinematografica) o una serie tv amata come The Walking Dead.
Romero lascia un'eredità cinematografica immensa. Il suo primo film, La notte dei morti viventi del 1968 lanciò un vero e proprio sottogenere del cinema horror: per la prima volta era un virus a riportare in vita i morti e renderli dei "mangia cervelli". Scritto a quattro mani con John A. Russo, il film è totalmente di Romero: fu lui a dirigerlo, lo montò personalmente, ne curò la fotografia e persino le musiche. Realizzato con 114mila dollari, ne incassò circa 30 milioni di dollari in tutto il mondo.
Seguono negli anni '70 e '80 tantissimi altri titoli dello stesso genere destinati a diventare cult: La città verrà distrutta all'alba (1973), Zombi (1978), Il giorno degli zombi (1985). La sua ultima regia è del 2009, Survival of the Dead - L'isola dei sopravvissuti, presentato in anteprima alla 66ma Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia. 
"Non sono pazzeschi o fantastici, sono i nostri vicini, i nostri parenti, i nostri amici. Sono più spaventosi proprio per questo, più dei grandi effetti speciali", così Romero descriveva i suoi non morti.
<iframe width="560" height="315" src="https://www.youtube.com/embed/ZrV3kcVDGyg" frameborder="0" allowfullscreen></iframe>
È morto il padre degli zombie, ucciso a 77 anni da un cancro ai polmoni: cullato dalle note della colonna sonora di Un uomo tranquillo, commedia del 1952  diretta da John Ford. Aveva accanto a sé la moglie Suzanne Desrocher Romero e la figlia Tina.

Nato e cresciuto a New York da padre cubano e madre lituana, George Andrew Romero è stato il creatore indiscusso dello zombie moderno. Senza i suoi film non sarebbero esistiti cult degli ultimi anni come il fortunato videogioco Resident Evil (diventato anche una saga cinematografica) o una serie tv amata come The Walking Dead.

Romero lascia un'eredità cinematografica immensa. Il suo primo film, La notte dei morti viventi del 1968 lanciò un vero e proprio sottogenere del cinema horror: per la prima volta era un virus a riportare in vita i morti e renderli dei "mangia cervelli". Scritto a quattro mani con John A. Russo, il film è totalmente di Romero: fu lui a dirigerlo, lo montò personalmente, ne curò la fotografia e persino le musiche. Realizzato con 114mila dollari, ne incassò circa 30 milioni di dollari in tutto il mondo.

Seguono negli anni '70 e '80 tantissimi altri titoli dello stesso genere destinati a diventare cult: La città verrà distrutta all'alba (1973), Zombi (1978), Il giorno degli zombi (1985). La sua ultima regia è del 2009, Survival of the Dead - L'isola dei sopravvissuti, presentato in anteprima alla 66ma Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia. 

"Non sono pazzeschi o fantastici, sono i nostri vicini, i nostri parenti, i nostri amici. Sono più spaventosi proprio per questo, più dei grandi effetti speciali", così Romero descriveva i suoi non morti.